BARI: IL NOSTRO INCONTRO CON LA DIREZIONE

Nei giorni scorsi è avvenuto l’incontro fra il nostro rappresentante sindacale e il responsabile della struttura apac successioni in merito ai seguenti argomenti:

  1. Accorpamento con l’apac pignoramenti di Palermo
  2. Trasferimento delle stampanti multifunzione nei corridoi
  3. Dialogo / sistema premiante
  4. Richiesta distributore acqua potabile

Riguardo al primo punto abbiamo evidenziato la nostra “preoccupazione” in merito all’acquisizione di nuovi carichi di lavoro rivenienti dall’accorpamento della struttura dei pignoramenti e, nello specifico, quanto l’eventuale polivalenza possa ripercuotersi sui già notevoli carichi di lavoro (stock’s docet).

Ci è stato risposto che la tematica al momento non risulta quantificabile e, qualora dovesse attivarsi, verrebbe affrontata con il trasferimento di alcune attività, già oggetto di polivalenza, verso altre operatività tipiche dell’apac.

Le stampanti multifunzione, già da alcuni anni presenti nei nostri locali, sono sistemate tutte a ridosso dei colleghi e, a nostro avviso, contrarie ad alcune misure di carattere generale, raccomandate dai fabbricanti:

collocazione degli apparecchi in locali ampi e ventilati, installazione delle apparecchiature di elevata potenza in locali separati e qualora necessario, eventuali sistemi di ventilazione, bocchette di scarico da non indirizzare verso le persone.

Sono in corso valutazioni con il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza.

Attenderemo comunque il sopralluogo del team Valutazione dei Rischi PPAc.m per decidere sull’argomento.

Dialogo e premi. A breve sarà dato corso al sistema di valutazione annuale, giudizio che avvierà il processo al sistema incentivante. Il Sindacato, occorre ricordarlo, ha da sempre espresso perplessità sul sistema premiante/incentivante riguardante i singoli colleghi; strumento più che discrezionale dell’Azienda (se non coperto dalla privacy) e, come tale, difficilmente sindacabile nel giudizio di merito. Abbiamo altresì fatto presente quanto i colleghi, pur contenti dei giudizi più che lusinghieri espressi negli incontri ufficiali, non da ultimo quello con l’Amministratore Delegato, dove la struttura veniva qualificata come “eccellenza”, hanno espresso i loro dubbi sulla differenza sostanziale fra “struttura d’eccellenza” e “strutture… non tali”.

Cogliamo l’occasione per ricordare quanto suggerito nell’ultimo incontro avuto con Relazioni Industriali, circa l’introduzione nelle apac di meccanismi premianti a condizione che siano condivisi, trasparenti e controllabili sulla base di criteri individuabili.

L’ingresso della robotica nei nostri team lavorativi sarà oggetto di successiva analisi per le eventuali ricadute lavorative.

In ultimo è stata sollecitata la richiesta di un erogatore di acqua potabile.

Scarica il Comunicato

Social: