CAGLIARI: L’ARTE DELL’INTIMIDIRE

E’ dall’inizio dell’ anno che riscontriamo un clima aziendale assai negativo causato principalmente dalla direzione del nostro territorio che ha adottato spesso  una condotta  intimidatoria  nei confronti dei colleghi piuttosto che cercare di motivarli e supportarli. Tale costume si riassume nella indicazione data nelle riunioni  dove si istiga, adottando un linguaggio violento,  a “ PICCHIARE DURO” .

Con questo unico argomento atto a fare i numeri si minaccia di chiudere Portafogli e Agenzie.

Segnaliamo inoltre che ancora non è stata abbandonata la sterile prassi dell’ intervista singola dei gestori per la verifica dei numeri omettendo  di  contestualizzarli  rispetto alle diverse realtà di lavoro anziché proporre soluzioni  lecite e percorribili.

E in una tale condizione come è possibile poter essere sereni nello svolgere le proprie mansioni?

Ricordiamo fino alla nausea che qualsiasi file di monitoraggio non previsto dalla normativa Banca è VIETATO.

Non possiamo quindi che condannare questo atteggiamento assunto dal managementent  che, ricordiamo, dovrebbe svolgere un ruolo fondamentale nello stimolare correttamente le risorse impegnate nel raggiungimento degli obiettivi.

La buona riuscita di un lavoro collettivo dipende dalla sinergia di più forze positive impegnate a tutti  i livelli di responsabilità nel creare condizioni di lavoro sostenibili. E’ troppo facile scaricare la “Colpa” della mancata riuscita di una partita sui giocatori di una squadra .

Non può sfuggire a nessuno come realtà un tempo solidamente produttive siano state mortificate con scelte gestionali miopi e incomprensibili.

La gestione delle risorse e le scelte strategiche risultano palesemente inadeguate, senza tener conto del fatto che i colleghi sono chiamati a fronteggiare costantemente una situazione di disorganizzazione eclatante a tutti i livelli.

Siamo disponibili in qualsiasi momento ad un confronto costruttivo a condizione che  i principi del codice etico sul rispetto delle persone  vengano attuati.

Scarica il Comunicato Ufficiale

Social: