ABBIAMO INCONTRATO MUNARI

Nel pomeriggio del 24 luglio Fabi e Unisin hanno incontrato l’A.D. Andrea Munari per fare il punto sui temi di maggiore rilevanza per i lavoratori del Gruppo. Al tavolo erano presenti Floriana Dupta, Capo del Personale, e Roberto Quinale, Responsabile delle Relazioni Industriali.

Futuro del Gruppo BNL e riassorbimento di BPI

Il Sindacato ha chiesto e ottenuto rassicurazioni all’A.D. circa il futuro dei colleghi interessati dal rientro di BPI in BNL. Munari ha tenuto a sottolineare che professionalità e mestieri saranno tutelati e che le buone metodologie sperimentate continueranno a funzionare in BNL. Il Sindacato non abbasserà la guardia nemmeno per un secondo e forte è l’impegno di Fabi e Unisin nel vigilare con la massima attenzione soprattutto in una fase tanto delicata.

Il Sindacato ha interessato l’A.D. circa il recente spostamento di lavorazioni da BNL verso le aziende di BNP Paribas in Portogallo. Munari ribadisce che la decisione è maturata nel più ampio ambito del Gruppo a livello Europa, motivata dal minor costo del lavoro. Munari tuttavia rassicura sul fatto che il fenomeno avrà un’incidenza assai marginale per le aziende del gruppo nel nostro paese.

Clima aziendale

Un buon clima aziendale passa, necessariamente, attraverso il massimo rispetto per i lavoratori e per la loro dignità. Fabi e Unisin insistono: l’espressione assenteismo, riferita per esempio ad assenze per malattia o permessi ex. L.104, resta assolutamente impropria. Abbiamo ritenuto opportuno esprimere tale divergenza, chiedendo all’azienda di rivedere la propria impostazione.

Il Sindacato invita alla massima vigilanza circa eventuali pressioni commerciali sulla Rete e l’attuale situazione resta a nostro avviso di massima allerta. L’A.D. riconosce che la Rete è sotto pressione e assicura interventi utili al miglioramento delle condizioni complessive

La Banca pare voler prestare particolare attenzione alla mobilità interna e l’intensa campagna di comunicazione sul nuovo My Mobility ne è una conferma. Resta tuttavia impossibile condividere il fatto che l’attuale procedura impedisca ad alcuni colleghi (es. CRSC e Rete) di candidarsi a ricoprire ruoli in Direzione: tale criterio resta per noi discriminatorio.

Politica immobiliare del Gruppo BNL

L’A.D. sottolinea come BNL sia una banca e non una società di gestione immobiliare: l’obiettivo resta quello della vendita e della razionalizzazione, i cui frutti vanno reinvestiti nella banca stessa. Per Munari la sede di Tiburtina dovrà essere il maggior centro di digitalizzazione della banca, esempio di modernità e sguardo al futuro.

Le nostre Organizzazioni ritengono comunque utile una riflessione in merito alla funzionalità di tutti gli ambienti del palazzo, principalmente di quelli relativi alla sicurezza dei lavoratori: una priorità resta l’infermeria.

Aldobrandeschi resta e si smentiscono le voci sulla vendita dell’immobile.

Situazione della Rete Commerciale

Abbiamo chiesto chiarimenti sul piano di chiusura dei punti commerciali. Munari ci ha illustrato che l’attuale numero delle agenzie “a maglie larghe” si avvicina a quello che per BNL è il giusto dimensionamento. Pur consapevoli del fatto che sia materia di competenza esclusiva aziendale, abbiamo ritenuto utile suggerire l’idea di adottare un sistema incentivante che premi la squadra, senza mortificare il singolo lavoratore.


Al termine dell’incontro ci è stata comunicata dalla stessa Floriana Dupta la sua intenzione di lasciare l’attività in azienda per una propria scelta di vita. Desideriamo esprimere alla dott.ssa Dupta un sentito augurio per il suo futuro, ricordando la proficua collaborazione intrattenuta.

Andrea Munari assume ad interim il ruolo di Capo del Personale e prefigura che in futuro il ruolo sarà ricoperto attingendo a risorse interne. Il Sindacato auspica che in tale scelta i vertici aziendali sappiano esprimere la giusta sensibilità alle esigenze dei lavoratori.

Scarica il Comunicato Ufficiale

 

Social: