DIREZIONE GENERALE: INFORMATIVA SULL’INCONTRO CON LA BANCA

FLEXIBLE WORKING – PARCHEGGI

Il 19 marzo u.s. siamo stati convocati dalla Banca, su nostra richiesta, ad un l’incontro per:

  1. Aggiornamenti sulla situazione della convenzione del parcheggio di Via Spadolini su proprietà di RFI, accessibile a tutti i dipendenti BNL.
  2. Tempi e modi della prossima estensione a due giorni del Flexible Working.

  1. La convenzione del parcheggio è stata prorogata a tutto il 2019 con possibile nuova proroga; continua comunque l’attività per la realizzazione di un’alternativa di proprietà della Banca.
  2. Dal 15 aprile inizierà l’estensione a due giorni del Flexible Working a cominciare dalle strutture IT, interessando circa 450 colleghi. Successivamente e presumibilmente entro la fine dell’estate, il secondo giorno di “FW” dovrebbe essere a regime per tutte le strutture che oggi hanno questa modalità di lavoro.

Attualmente sono circa 3.500 i colleghi che la utilizzano con una media generale di fruizione di 2,5 giorni al mese ma con grandi indici di gradimento.

Le novità, non di poco conto del  nuovo  “FW” che ci sono state illustrate sono:

  • il divieto di usufruire di sedi BNL per lo svolgimento del FW (le ragioni riguardano le norme di legge che disciplinano lo smart working ma anche, più prosaicamente, la progressiva diminuzione dei “locali” della Banca).
  • vengono nel contempo esclusi in modo chiaro i luoghi pubblici (bar, ristoranti..)
  • non sarà automatico il ritorno in sede in caso di malfunzionamento della connessione ma si contatterà il proprio responsabile valutando la possibilità di svolgere lavoro “offline”.

Considerato il potenziamento del “FW” e la chiara volontà dell’azienda di allargarne la platea e diffonderne sempre più l’utilizzo, abbiamo domandato  chiarimenti sulle modalità di richiesta e fruizione e su dinamiche al riguardo che sono già in atto in azienda.

Fugato rapidamente ogni dubbio circa le coperture assicurative: abbiamo la stessa copertura di quando ci troviamo in ufficio, compresa la copertura “in itinere” per l’eventuale interruzione a metà giornata;

siamo poi passati alla principale questione che tutte le rappresentanze sindacali ritengono doveroso definire in modo netto, la gestione trasparente ed oggettiva  dell’approvazione dei giorni di “FW” da parte dei manager.

Oltre ad esigenze operative dell’ufficio, a precisa domanda, la banca ha affermato che qualunque venir meno del “sinallagma contrattuale” (in breve il rapporto reciproco fra azienda e dipendente in cui entrambi danno ed entrambi ricevono) può rappresentare motivo di rifiuto.

Tutto ciò lascia eccessivi margini di discrezionalità ai manager che potrebbero cadere nella tentazione di usare questo strumento con intenti premianti o punitivi nei confronti dei collaboratori.

Non rassicurati, abbiamo chiesto con forza che vengano redatte al più presto linee guida stringenti per stroncare sul nascere dinamiche chiaramente degenerative del “FW”, ribadendo con chiarezza che questo strumento  va sia nell’interesse dei lavoratori ma anche e soprattutto dell’azienda che riscontra chiari incrementi di produttività nonché, aggiungiamo noi, notevoli risparmi.

Da parte sua la Banca ci assicura quantomeno la pubblicazione di un vademecum su echonet riguardo il “FW” per ribadire i capisaldi alla base della scelta di potenziare,  fra i primi in Italia, questa nuova modalità di lavoro.

Invitiamo pertanto tutti i colleghi a segnalare ai rappresentanti sindacali ogni comportamento ritenuto non in linea con le indicazioni della Banca, ivi compresa l’arbitraria categorizzazione dei giorni di lunedì o venerdì come diversi dagli altri.

Al termine dell’incontro l’Azienda ci ha comunicato il prossimo aumento (a partire da settembre 2019) delle rette per gli asili aziendali di Orizzonte Europa e “Aldobrandeschi”.

Le tariffe non subiscono ritocchi da circa dieci anni e per la continuazione del servizio è stato deciso un aumento  di circa il 13%:

Orario mattutino la retta passerà da 270 a 305 euro/mese

Fino alle 15:30 la retta passerà da 335 a 380 euro/mese

Full time la retta passerà da 370 a 420 euro/mese

Le tariffe rimangono molto al di sotto dei prezzi di mercato per offerte paragonabili.

Abbiamo segnalato che da circa 3 mesi non vengono utilizzati gli spazi esterni destinati alle attività ludiche dei bambini che frequentano il Nido Orizzonte Europa sede Tiburtina a causa di problemi (sicurezza) di tale zona. La Banca ci ha risposto di non avere avuto questa informazione e che approfondirà.

Scarica il Comunicato Ufficiale