PRIMO MAGGIO: RIVOGLIAMO L’ARTICOLO 18!

Questo primo maggio, vogliamo celebrarlo insieme a te, parlando di un diritto fondamentale che fino a pochi anni fa era una certezza assoluta nel nostro paese, figlio di importanti lotte e rivendicazioni, e che ci è stato portato via tra il 2012 e il 2015.

Parliamo del diritto di tornare a lavoro per tutti coloro i quali siano stati licenziati illegittimamente: la reintegra.

In realtà, nonostante tutti conoscano “l’articolo 18” e il contratto “a tutele crescenti”, pochi sono davvero consapevoli di quello che prevede la legge in caso di licenziamento illegittimo.

Oggi, nel nostro paese, se un lavoratore venisse licenziato, facesse ricorso presso un tribunale del lavoro e il giudice riconoscesse le sue ragioni, dichiarando illegittimo il licenziamento, questo lavoratore con ogni probabilità avrebbe diritto solo ad un indennizzo.

UNISIN da sempre sostiene che vi sia, per un paese civile, un solo rimedio a un licenziamento illegittimo: la reintegra sul posto di lavoro. Abolire la reintegra, per UNISIN, vuol dire rendere legale la sottrazione illecita di lavoro, vuol dire rendere legale la sottrazione illecita del pane.

La Piattaforma per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro contiene al suo interno la reintroduzione del diritto alla reintegra in caso di licenziamento illegittimo per tutti i dipendenti del settore del credito: quello che la legge non contempla più, sogniamo di poterlo reintrodurre con la contrattazione collettiva.

Lotteremo con tutte le nostre forze.

Per difendere i nostri diritti, per poterne godere fino in fondo con consapevolezza, è necessario conoscerli davvero, tenendo conto della loro storia e della loro evoluzione: UNISIN ne è convinta e investe moltissime risorse in formazione e studi.

Siamo orgogliosi di presentarti, in questa giornata così importante, un documento elaborato dall’Ufficio Studi UNISIN interamente dedicato alla reintegra in Italia e alla sua storia e lo facciamo ringraziandoti: è grazie al tuo sostegno che questi lavori vengono prodotti e divulgati.

Senza la reintegra in caso di licenziamento illegittimo non c’è dignità nel mondo del lavoro: la pensiamo così e faremo di tutto per restituirla a noi tutti.

Buon primo maggio, viva la festa dei lavoratori!

SCARICA LA PUBBLICAZIONE DELL’UFFICIO STUDI