Direzione Generale: Aggiungi un posto a tavola… che c’è un collega in più!

se sposti un po’ la seggiola stai scomodo anche tu…

Il 9 settembre us siamo stati convocati dalla Banca e ci ha comunicato che, a seguito di ulteriori scelte di valorizzazione degli immobili da mettere sul mercato, oggi partirà la sperimentazione di un progetto di razionalizzazione degli spazi della sede di Tiburtina.

Gli spazi attuali, secondo la Banca, risulterebbero sovradimensionati rispetto alle potenzialità di accoglienza dell’edificio “Orizzonte Europa” di Via Spinelli; ciò consentirebbe di ospitare un numero maggiore di colleghi, provenienti, in particolare, dalla sede di Aldobrandeschi.  Al termine del periodo di sperimentazione, di circa 1 mese e mezzo,  verrebbero trasferiti da Aldobrandeschi circa 500 colleghi.

Più in particolare, il progetto prevede.

  • una restrizione degli spazi a disposizione dei colleghi ovvero i bench saranno destinati ad accogliere maggiori postazioni (bench da 6 diventeranno da 8 e bench da 4 diventeranno da 6 ove possibile);
  • la creazione di alcuni bench di co-working (senza video e dove ci si collegherebbe con il proprio PC)
  • nuove regole di utilizzo: i bench saranno assegnati per Direzione e non per ufficio.

Le OO.SS. hanno manifestato il loro dissenso per i seguenti motivi:

  • aumento dello stress per lavoro correlato e relativo impatto sulla produttività, che si farebbe – come sempre – ricadere sui colleghi;
  • diminuzione fruibilità dei servizi e delle aree comuni: posti auto/moto, mensa, bar, servizi igienici, sale riunioni (già carenti) …
  • forte impatto sul microclima ambientale.

Le OO.SS. hanno richiesto chiarimenti in merito a:

  • come nella rimodulazione delle postazioni si tenga conto anche delle postazioni assegnate ai consulenti esterni.
  • voci che circolano sulla abolizione del secondo giorno di “flexible working”; l’azienda al riguardo ha smentito e ha dato rassicurazioni che, anche alla luce del progetto sopra citato, l’estensione del flexi, che è oggetto di un rallentamento, non verrà bloccata.

Pur considerando che tale progetto sarà gestito nel rispetto degli  standard normativi, la dimensione degli spazi preconfigurati dalla Banca, si orienta al valore minimo del limite consentito. Questo tipo di politica di valorizzazione degli immobili, così come attuata dalla Banca, che è tesa a migliorare la redditività e a comprimere i costi, non tiene conto del continuo aumento della popolazione dell’edificio “Orizzonte Europa”, con tutto ciò che ne consegue. In conclusione tale direzione, è diametralmente opposta al miglioramento del clima aziendale tanto auspicato e fatto di armonia, relazioni, confronti, facilità di coaching…

Scarica il Comunicato Ufficiale