RIPRESA DEGLI INCONTRI SINDACALI: UN AUTUNNO CALDO

Le Organizzazioni Sindacali si sono incontrate il 25 settembre per affrontare una serie di argomenti derivanti dagli accordi di Aprile scorso, per rivedere il calendario degli impegni e per consegnare la lettera con la richiesta di…

  • RIDUZIONE TASSI MUTUI AL PERSONALE: In virtù del consistente abbassamento dei tassi di interesse della BCE e del conseguente riduzione dei tassi alla clientela BNL, il Sindacato, ha consegnato all’Azienda una lettera di richiesta di riduzione dei tassi sui mutui agevolati prima casa per i dipendenti del Gruppo BNL, insieme ad una revisione delle condizioni relative alle agevolazioni creditizie concesse al personale.I lavoratori, in data odierna, hanno letto su Echonet la risposta aziendale: un segnale positivo di certo apprezzato in questo periodo di crisi generalizzata.
  • FINE CAMPAGNA QUOTA 100: I numeri definitivi della campagna sono stati rispondenti a quanto descritto nei comunicati di Luglio e quindi in definitiva le 500 assunzioni derivanti dal ricambio generazionale, e riprese dalla stampa, saranno perfezionate nel corso del triennio come illustrato nelle tabelle. Come Sindacato consideriamo un ottimo risultato in termini di Solidarietà Generazionale, aver permesso ai colleghi in possesso dei requisiti, di uscire volontariamente con un incentivo e che si sia destinato gran parte dei nuovi assunti alla Rete di vendita. Dai dati risulta rispettato quanto illustrato ai colleghi nelle assemblee su Quota 100. Infatti nel 2019, delle 428 uscite totali, 244 riguardano Back Office più Direzione e 184 il personale di Rete. Le assunzioni saranno 20 in Direzione e 135 in Rete, producendo una riduzione del personale in Direzione e PAC di 224 colleghi, in Agenzia di 49. 

  • CHIUSURA AGENZIE: Confermato il piano già illustrato per la chiusura di 30 agenzie. Chiusura rimandata a fine contratto per un’agenzia di Palermo, dato il costo delle penali per la rescissione anticipata. Diventano quindi 29 e non 30 le chiusure già comunicate. Il Sindacato ha nuovamente espresso preoccupazione per il dimagrimento delle strutture di vendita sui territori, invitando responsabilmente l’azienda ad una accurata riflessione sugli effetti depressivi delle chiusure e dei derivanti disservizi dovuti a spostamento della clientela. Non è proprio il capitalismo (di cui gli istituti finanziari sono il fondamento) che sostiene che per uscire dalle crisi occorre investire ed espandere?
  • CARTA DELLE RESPONSABILITA’: Ci sono state illustrate una serie di variazioni di perimetro e cambio naming conseguenti alle ultime riorganizzazioni. Il Sindacato ha nuovamente rimarcato che il “doppio riporto” (Gerarchico e Funzionale) continua ad essere un appesantimento organizzativo che sembra non voler essere superato dal Management (in particolare nel Private).
  • RENDICONTAZIONE INDIVIDUALE DELLA PRODUTTIVITA’: L’azienda ha ripreso il discorso sulla sperimentazione già respinto a luglio dalle Organizzazioni Sindacali, riproponendo esattamente quanto illustrato allora e mostrando una certa urgenza nell’intervento di controllo diretto sui lavoratori (soprattutto quelli dislocati a causa della frammentazione organizzativa derivante anche dalla gestione degli esuberi applicata in azienda a partire almeno dal 2012). Questo punto è stato molto discusso, con il Sindacato unito nel respingere in maniera definitiva l’attacco aziendale alla dignità del lavoratore, palesando le ricadute negative sul già pessimo clima aziendale. Le Organizzazioni Sindacali hanno rimarcato le difficoltà in cui versa la rete agenzie rispetto a pressioni dovute anche a strumenti di controllo improvvisati da responsabili che riteniamo non essere in linea con le policies aziendali e tantomeno con il tavolo sindacale (azienda e rappresentanti dei lavoratori) che dovrebbe essere di indirizzo per stabilire dove si configura una “pressione commerciale”, o “impropria” come piace chiamarla alle aziende, per togliere di mezzo l’utenza finale da questa pratica scorretta. Alla fine l’azienda non trovando la disponibilità del tavolo ha deciso di iniziare la sperimentazione senza l’avallo sindacale ma si è parimenti convenuto che il discorso “produttività” e “controlli a distanza” meriti un approfondimento paritetico e il confronto proseguirà in maniera più focalizzata con una apposita commissione bilaterale che inizierà nella prima metà di ottobre. Questo argomento è comune a diversi ambiti lavorativi quali i vecchi uffici di PAC ma anche i lavoratori in Flexible Working, i lavoratori dei Canali Remoti (CRSC e Direct in particolare) e anche nelle agenzie dove la fantasia è al potere (vedi “regate”, “termometri” e altre amenità per misurare il livello di budget raggiunto).
  • IVASS: Controlli a campione su vendita E’ stato disposto dall’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni l’accesso ad un campione di registrazioni di vendita telefoniche di Cardiff su BNL (in particolare CRSC e Direct) per verificare la correttezza delle informazioni fornite e la professionalità nella presenta-zione dei prodotti. Le Organizzazioni Sindacali si sono assicurate che: BNL individui le telefonate; Le telefonate siano ANONIME; Un fornitore esterno analizzi le telefonate; Le registrazioni siano cancellate dal fornitore esterno dopo 6 mesi. Queste assicurazioni garantiscono i colleghi nello svolgimento delle loro funzioni mettendoli anche al riparo dall’eventualità di utilizzo di queste registrazioni a fini valutativi e disciplinari.
  • CIRCOLI RICREATIVI: Per finire un aggiornamento sulla “riforma federativa” dei vari CCRS più o meno attivi in tutto il paese. Siamo ormai giunti alla conclusione del lungo e tortuoso percorso di costituzione dei 3 circoli BNL, che aiuteranno lo sviluppo delle attività locali dei colleghi nelle varie Sezioni Territoriali (i vecchi circoli). Le Sezioni Specializzate uniranno i colleghi con iniziative diffuse su tutto il territorio di competenza. Le attività più interessanti, grazie al lavoro della Federazione, saranno offerte a tutti i colleghi dei tre circoli BNL. Presto una comunicazione dedicata ai CCRS per illustrare a tutti i lavoratori le novità e le modalità di adesione. Il contributo finanziario dell’azienda è stato garantito con l’ultimo accordo sindacale firmato. Manca veramente poco affinché i lavoratori possano nuovamente usare e far crescere questo importante strumento di Welfare Aziendale.

In attesa di novità sul fronte del rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale i Rappresentanti dei lavoratori BNL avranno molti importanti argomenti su cui terremo prontamente aggiornati i colleghi.

Scarica il Comunicato Ufficiale