SCARICA LA SINTESI DEL NUOVO CCNL: UN SUPPORTO UTILE PER CONOSCERE I TUOI DIRITTI

Uno dei migliori contratti collettivi di lavoro da oltre vent’anni (…) Nel settore siamo chiamati ad affrontare situazioni complicate e nuove crisi bancarie, anche per questo aver definito un siffatto contratto è il miglior dono che, a ridosso del Natale, potevamo fare ai lavoratori, alla clientela ed all’intera economia del Paese”. – Emilio Contrasto, Segretario Generale Unisin

Siamo felici, in un contesto economico ancora incerto e in presenza di scandali che stanno investendo altri Istituti, di portare nelle case dei nostri colleghi un po’ di serenità. Questo Contratto, uno dei migliori contratti stipulati negli ultimi vent’anni, convinca tutti dell’importante ruolo che il Sindacato riveste nel nostro settore.” – Tommaso Vigliotti, Responsabile Unisin Gruppo BNL


Nella giornata di Giovedì 19 Dicembre u.s. è stato firmato l’accordo di rinnovo del Contratto Nazionale di categoria che sarà sottoposto alle assemblee delle Lavoratrici e dei Lavoratori nei prossimi mesi.

L’accordo è stato raggiunto al termine della lunga trattativa iniziata lo scorso anno e che ha visto momenti di aspro confronto con controparte rischiando spesso la rottura.

Tra i risultati ottenuti ricordiamo l’incremento di € 190,00 mensili, che sarà suddiviso in tre
tranches delle quali la prima, di 80 euro, sarà riconosciuta già da gennaio 2020 (a fronte dei 200
euro richiesti e dei 135 euro proposti da ABI) oltre ad aver stabilito l’abolizione della penalizzazione economica per i neoassunti (art. 46 CCNL).

Risultato di particolare rilievo il rafforzamento dell’area contrattuale con la specifica previsione che la gestione dei crediti deteriorati (NPL e UTP) debba considerarsi attività core business di settore e come tale, ai colleghi ceduti, dovrà essere applicata la normativa nazionale di settore tempo per tempo vigente.

Oltre all’aspetto economico vi sono numerosi altri elementi che migliorano sostanzialmente l’articolato del contratto – scaduto il 31/12/2018 – con particolare riferimento:

  • agli aspetti di natura sociale, con attenzione alle fasce più deboli, alla disabilità ed alla diversity e ai genitori con figli affetti da problemi legati all’apprendimento;
  • alle tutele della salute in caso di gravi patologie e di malattie oncologiche con il rafforzamento delle aspettative e delle flessibilità;
  • alla conciliazione vita/lavoro con nuove importanti previsioni in termini di diritto al part time.

INOLTRE

  • sancito il diritto alla disconnessione;
  • introdotta una specifica normativa di settore per il lavoro agile;
  • rafforzate le tutele sul piano disciplinare e su quello delle responsabilità civili e penali per i colleghi.

INFINE

  • sono state recepite le previsioni contro le pressioni commerciali contenute nell’accordo di settore (Accordo 8 Febbraio 2017) che consentiranno, in linea con la nostra piattaforma e con l’impegno sociale del Sindacato, una maggiore e più concreta tutela della clientela e del risparmio;
  • prevista l’istituzione della Cabina di regia sulla digitalizzazione che ci consentirà di governare i cambiamenti organizzativi e del lavoro derivanti dalle nuove tecnologie che sempre più investiranno il settore.

La trattativa ha portato alla mediazione su alcuni aspetti quali: la base di calcolo del TFR che rimane temporaneamente limitata alle principali voci retributive – e quindi immutata rispetto al passato – sino a tutto il 2022 e le modifiche alla normativa sulla mobilità territoriale, prevedendo l’innalzamento di 5 anni dell’età prevista per i limiti sulla trasferibilità.

Altra importante novità riguarda una specifica dichiarazione congiunta delle parti sulla reintegra in caso di licenziamento illegittimo del lavoratore, con la quale banche e sindacato invitano il legislatore a rivedere l’attuale iniqua normativa, anche alla luce dei recenti orientamenti giurisprudenziali.

Riteniamo sicuramente positivo l’accordo raggiunto che, oltre a riconoscere il giusto contributo economico per il lavoro svolto in questi anni dalle Lavoratrici e dai Lavoratori, permetterà di affrontare al meglio le molte sfide che attendono il settore e conferma il ruolo centrale che hanno le banche nell’economia del paese, nel settore delle imprese e nei territori in cui operano.

Di seguito riportiamo una sintesi dell’accordo: SCARICA LA NOSTRA GUIDA