ROMA DIREZIONE: RIENTRO IN SICUREZZA?

Mentre alcune direzioni danno indicazioni per gli altri solo voci…

Che la “Banca del mondo che cambia” avesse problemi ad organizzarsi se il mondo cambiava in modo imprevisto lo sospettavamo. Adesso lo sappiamo.

Nonostante tutto, per l’ennesima volta queste organizzazioni sindacali non badano a scaramucce e non fanno questione di principio, ma nell’ottica di servizio che le contraddistingue si pongono quale canale ufficiale di dialogo, di controllo e di condivisione di modalità omogenee di rientro.

I Sindacati della direzione generale hanno infatti inviato ieri una comunicazione ufficiale all’azienda in cui chiedono un incontro tempestivo per apprendere direttamente dalla voce aziendale quali sono gli accorgimenti che la Banca Nazionale del lavoro intende adottare per far lavorare il personale di Orizzonte Europa in sicurezza alla luce soprattutto della “distanza sociale” e di quanto sta venendo fuori sulla ventilazione degli ambienti di lavoro.

Riteniamo che il proliferare di voci, direttive e consigli da più parti e con le modalità più svariate non giovi affatto al clima aziendale, anche in un momento in cui la quasi totalità di colleghi lavora da casa, sembra che “i corridoi” siano un mezzo di diffusione di notizie molto potente.

L’unica certezza rimangono le Organizzazioni Sindacali che rimangono stabili, affidabili e che si pongono quale unico interlocutore in grado di fare chiarezza in questa frammentazione aziendale.

Per questo riteniamo che, chi si fregia del titolo di​Top Employer​dovrebbe avere la lungimiranza di costituire un comitato paritetico per valutare congiuntamente le misure necessarie al ripopolamento di Orizzonte Europa, allo scopo di concordare norme in grado di tutelare in primis la salute della popolazione aziendale ma senza tralasciare la professionalità, la possibilità di socializzazione protetta e avendo un occhio particolare alla conciliazione vita lavoro che, tra le altre cose, porta picchi non trascurabili di produttività.

E’ un consiglio: ​CERCATE UN DIALOGO CON I LAVORATORI TRAMITE LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI.

Scarica il Comunicato Ufficiale