TOSCANA E UMBRIA: CHIARO, CHIARISSIMO … QUASI

Ebbene sì, finalmente dopo mesi nei quali ci siamo dedicati ad attività lavorativa da casa attraverso lo smart working ritorniamo sui nostri bench a lavorare in compagnia tutti insieme appassionatamente, e senza più le regole che fino ad oggi hanno consentito ai colleghi di sentirsi sicuri almeno nei luoghi di lavoro.

La pandemia è finita!!!

Il comunicato di settembre scorso ha avuto un’ulteriore evoluzione con il comunicato del 13 ottobre; nel primo, che già diede dubbi interpretativi, gli uffici che viaggiavano su una logica del 66% di Smart Working passavano al 50% (dunque solo i colleghi della Direzione Generale) e gli split team non esistevano più, ma potevano essere presenti anche tutti i colleghi di un medesimo ufficio, l’importante è che all’interno dell’edificio si fosse sempre al massimo il 50% del personale.

Abbiamo dotato di contapersone i colleghi dell’Immobiliare, per ogni immobile presente sul
territorio Umbro Toscano!!

Con la comunicazione del 13 ottobre quelle poche certezze svaniscono con norme e nomi che rendono l’interpretazione alquanto fumosa ed ingarbugliata.

Innanzitutto, la definizione Grandi Building: fino a poco tempo fa per le Grandi Sedi era presente un elenco così eravamo sicuri di appartenere o meno a tale club. Oggi si parla di Grandi Building senza distinzioni, salvo poi venire a sapere che si tratta solo delle sedi di Milano e Roma. Perché?

Napoli, Torino, Firenze, Venezia, non sono degni di essere Grandi Building? Eppure i termoscanner li abbiamo anche noi…

Quindi, a meno che non siamo Milano e Roma, si rientra nelle altre sedi e l’indicazione che segue è strabiliante: per i Network Office nell’ambito della Rete, che già adottano il flexible Working al 50%, si prevede la possibilità di un’alternanza durante ciascuna settimana di 2 o 3 giorni di FW (alternando settimane a 2gg e settimane a 3 gg di FW) e presenza in Sede. In ogni caso, la regola fondamentale che ciascun manager dovrà osservare rimane quella di assicurare il rispetto della percentuale massima di occupazione fissata al 50% in
raccordo con la Direzione Immobiliare.

Il contapersone per i colleghi dell’Immobiliare non serve più!

Inoltre, pare che se un collega manchi un giorno programmato, può subentrare e prendere il suo posto un collega rientrante nell’altro gruppo: finita la logica di limitare il possibile contagio ad un solo gruppo. Ora siamo liberi di infettare chiunque.

Ma una domanda nasce spontanea: CHI SONO I NETWORK OFFICE NELL’AMBITO DELLA RETE?

Sempre riprendendo i Book sedi territoriali non vi è menzione di questo astruso nome in codice per indicare non si sa quale o quali uffici: vi rientrano tutti o nessuno. Boh!!

Infine, visto che di chiaro è rimasto che in un ufficio, inteso come locale, la capienza complessiva deve essere sempre al 50% attraverso i bench a scacchiera, diventa gioco forza necessario, se vi vuole essere tutti presenti, occupare anche i salottini (non sembra il caso di andare ad occupare posti a piani diversi). Ma i salottini, sempre secondo i Book, sono da occupare per il tempo necessario ad una persona per fare una chiamata o una videochat, non per una postazione di lavoro.

Per cui, una volta dissipati tutti questi dubbi ed incertezze, una volta capito che siamo Grandi Sedi per certi versi e non lo siamo più per altri versi, una volta capito che siamo Centri Imprese, Centri Corporate, Centri Finanziari per un verso e siamo Network Office di Rete per altri versi ancora (già i dubbi e le incertezze tornano…), possiamo stare più tranquilli e pensare che ciò che conta alla fine è sempre il budget, l’obiettivo da raggiungere ad ogni costo.

La salute se c’è meglio, altrimenti si può anche pensare di metterla in secondo piano… a meno che non sei a Roma o Milano.

Scarica il Comunicato Ufficiale