Paura a Salerno: Entra in Banca e Minaccia i Clienti con un Taglierino, Arrestato

L’uomo è stato arrestato dalla Polizia accorsa sul posto dopo la segnalazione di un ex carabiniere

Paura a Salerno, dove a Mercatello, in via Trento, intorno alle ore 12.30 un uomo, in evidente stato di agitazione, si aggirava armato di taglierino nei pressi della filiale della Bnl. Un ex carabiniere in congedo ha notato l’uomo armato e lo ha seguito fin quando è entrato nella banca ed ha iniziato a minacciare i clienti. L’ex militare ha, dunque, allertato le forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti 2 falchi in borghese della Polizia e 2 volanti. L’uomo è stato prontamente immobilizzato ed arrestato.

INACCETTABILE

Gli episodi di clienti che aggrediscono nostri colleghi, sia verbalmente sia fisicamente, nelle agenzie sono sempre più frequenti.

E’ di ieri la notizia dell’ennesimo fenomeno presso l’agenzia di Salerno. E anche in provincia nelle ns sedi ci segnalano situazioni ai limiti.

Basta! Non possiamo più tollerare che la nostra richiesta almeno di portierato nelle agenzie rimanga inascoltata! E’ necessario che in tutto il territorio le persone siano adeguatamente tutelate sul posto di lavoro e che, soprattutto le donne, non siano più lasciate da sole in agenzia specie in contesti a rischio.

Basta con i tagli delle risorse economiche soprattutto laddove ciò significa venir meno agli obblighi in capo al

Datore di Lavoro in ambito di Salute e Sicurezza per i propri dipendenti.

Delle due l’una, o ciò significa che la nostra Banca è insensibile dinanzi a ciò che accade o che tende alla riduzione dei costi operativi con la conseguenza di mettere a rischio la pelle, la salute, la sicurezza dei dipendenti e della propria clientela.

In entrambi i casi noi non possiamo permetterlo: in questo momento di criticità epocale per la pandemia in atto che non manca di riflettersi sull’economia di tutti i cittadini e quindi sul loro stato d’animo, non è possibile continuare a perseguire un modello di agenzia con operatore tuttofare, dalle pulizie alla consulenza evoluta, dal carico e scarico bancomat alla gestione di pratiche comportanti rischi di natura penale, dalla misurazione della temperature all’ingresso, come delle altre misure di prevenzione in generale, alla diligente gestione degli appuntamenti, dalla risoluzione delle tante disfunzioni operative alla formazione con la clientela “partecipativa”, sino alla richieste brucianti Due Diligence, si pensi ai Gestori Small Business!

Questo non è Futuro è Follia!

Questo non può rappresentare il Futuro, né della Banca né dei lavoratori, che si intervenga subito! Non possiamo più accettare che i nostri colleghi e la clientela paghi per le disfunzioni organizzative della Banca: per decisioni manageriali e modelli che penalizzano la professionalità, l’incolumità fisica e il valore delle risorse umane.

Scarica il comunicato