AST: ANCORA SCIOPERO! E….NON FINISCE QUI!

Oggi 5 aprile registriamo ancora una importante partecipazione alla seconda giornata di sciopero dei dipendenti AST/Accenture e dei dipendenti BNL distaccati contro la delocalizzazione delle attività BNL in ROMANIA.
Nonostante le prime 6 sentenze a favore dei lavoratori, la Bnl continua ad affermare la piena legittimità dell’operazione di cessione di 7 presunti rami d’azienda più il presunto ramo di IT che ha posto in essere nel 2022 e che ha riguardato il futuro di circa 800 dipendenti bancari.
Auspichiamo che dopo questo forte segnale di dissenso dei lavoratori ci sia un’inversione a U da parte di AST e BNL sull’intero progetto delocalizzazioni con l’obiettivo di riportare all’interno di BNL le attività oggetto di appalto:
– per continuare ad offrire un servizio di qualità alla clientela
– per mantenere posti di lavoro in Italia
– per evitare rischi operativi dovuti allo spostamento dei lavori in aree in cui la conoscenza della materia bancaria non può essere paragonata a quella di chi opera da anni nel settore.
Evidenziamo che i risparmi generati da queste scelte possono trasformarsi nel breve in enormi costi e pesanti sanzioni economiche derivanti dal mancato rispetto dei delicati aspetti che attengono a embarghi, armamenti, liste sorveglianza, segreto bancario, privacy etc..
Oltre a rivedere il progetto delle esternalizzazioni (ALTRO CHE PARTNERSHIP!) rivelatosi fallimentare, le OO.SS. di AST in maniera unitaria CHIEDONO alla BNL di porre fine anche alle operazioni di distacco del personale.
A tal fine CHIEDONO anche un incontro urgente con le Relazioni Industriali di BNL per trovare soluzioni condivise al fine di evitare ulteriori contenziosi legati all’impugnazione dei distacchi stessi.
UNITI SI VINCE!!!
Assago, 05 Aprile 2024
RR.SS.AA. A.S.T.
FABI – FIRST CISL – FISAC CGIL – UILCA – UNISIN