BNL: DISTACCO VERSO I DISTACCATI

La critica situazione lavorativa denunciata dai lavoratori in distacco

Il 25 giugno scorso si è – finalmente – tenuto un incontro con l’azienda delle scriventi OO.SS. che, unite alle RSA distaccate in AST e CFT, hanno rappresentato le numerose problematiche in cui si trovano a lavorare i colleghi BNL distaccati nelle due aziende rispettivamente di proprietà Accenture e Capgemini con cui BNL ha una partnership.
Evitiamo di riportare le considerazioni sindacali molto critiche sulle operazioni prima di cessione e poi di distacco dei lavoratori BNL già espresse più volte nei nostri comunicati passati per concentrarci sulla situazione attuale.
AST – Accenture Service Tech
Di seguito le scelte organizzative aziendali che lasciano molto perplesso il Sindacato:
1 – Non risultano acquisite commesse di lavoro da altri Istituti di Credito.
2 – Il lavoro di natura “finanziaria” riveniente dal contratto con BNL, anche quello di qualità, è stato trasferito in Romania.
3 – Il lavoro rimasto in Italia non viene svolto da AST ma da società terze (Microdata, CRIF e SIAED) non appartenenti al settore del Credito.
4 – Alcuni colleghi BNL sono stati messi a lavorare su commesse di società terze non appartenenti al settore del Credito.
5 – Non risultano significativi investimenti IT da parte di Accenture, tali da garantire o almeno creare presupposti per una competitività di AST nel settore del Credito, a parte quelli mirati all’interazione tra le procedure BNL e quelle AST/Accenture (es. Service Now).
È chiaro che il Progetto Industriale descritto nel piano 2022/2025 non corrisponde alla realtà attuale. Si crea malcontento tra i colleghi che si sentono abbandonati da BNL… lavoratori di serie B. A tutto questa si aggiunge anche la mancanza di futuro occupazionale per i giovani.
Nel concreto, ci sono dei temi molto “sofferti” dai colleghi in distacco e che necessitano un riscontro da parte della nostra banca:
Formazione: i colleghi sono nel caos alle prese con i corsi di formazione duplicati di AST e BNL e nessuna informazione dalle due aziende.
Compensation: rimpallo di responsabilità tra BNL e CFT per sul premiante di Aprile.
My mobility: i colleghi BNL distaccati sono discriminati poiché non possono accedere a My mobility per problemi di tenuta della partnership tra le due aziende.
Risorse Umane non risponde o risponde con notevoli ritardi (fino 30 giorni) alle richieste dei colleghi distaccati.
CFT – Capgemini Finance Tech
Si denuncia un abbandono totale delle dei colleghi BNL in distacco poiché si utilizza l’organizzazione del lavoro più complicata di BNL e Capgemini:
1 – La BNL non ha fornito il portatile aziendale: si lavora col PC Capgemini collegato VPN a BNL, questo porta a enormi difficoltà operative con utilizzo di software duplicato.
2 – Solo programmare le ferie è complicato dal fatto che vanno inserite in quattro sistemi diversi.
3 – La BNL non ha fornito lo smartphone aziendale: i colleghi BNL che non possono chiamare direttamente i colleghi distaccati.
4 – Pessima distribuzione dei carichi di lavoro: colleghi oberati dal lavoro BNL a fianco di colleghi inviati a lavorare per altri istituti bancari (con scarso successo per ovvi motivi di conflitto di interesse) a cui CFT ha tolto le abilitazioni per lavorare.
5 – Risorse Umane: non ci sono riferimenti del personale BNL per risolvere i normali problemi lavorativi dei colleghi.
6 – Trasporti: Aldobrandeschi è sede disagiata da 30 anni, la situazione dei trasporti non è cambiata. Tutti i problemi sono rimasti ma le navette non ci sono più.
7 – Contratto di rete tra BNL e CFT è ancora un mistero perché non è stato consegnato al Sindacato nemmeno “un estratto” come promesso a suo tempo dalle Relazioni Industriali BNL.
L’azienda deve prendere coscienza che i lavoratori in distacco hanno mandato avanti la banca da 20 anni ed ora sono diventati improvvisamente inutili. Oltre ai problemi tecnici è necessario risolvere anche i problemi umani:
Formazione CFT, circa 30 colleghi chiusi in una stanza per 3 settimane in presenza disturbandosi l’un l’altro.
Valutazioni Professionali fatte con una riga su un pdf consegnato ai colleghi in corridoio. Norme aggirate con gli obiettivi 2024 che “possono essere dati a voce o per email”!
Ammonimenti consegnati da BNL per conto di CFT senza che la nostra azienda faccia approfondimenti e prenda posizione facendo da pesce in barile.
Lavoro, richieste da CFT di consuntivare dati non corrispondenti al lavoro effettivamente svolto: falsati gli indicatori di verifica della partnership BNL-CFT.
Considerazioni sindacali
Col trascorrere del tempo appare sempre più evidente che alla BNL le cessioni servivano a liberarsi dei lavoratori più che delle lavorazioni. Ci sono lavoratori su cui le tre aziende coinvolte puntano ed altri sono visti come un problema.
L’azienda ha chiarito pochi punti e preso nota di quanto rappresentato dai lavoratori tramite il Sindacato e auspichiamo che dopo le opportune verifiche e confronti interni siano rapidamente risolte tutte le criticità vissute dai colleghi BNL altrimenti meritocrazia, inclusività, responsabilità sociale d’impresa, ecc. su cui punta tanto la BNL rimarranno solo vuote parole prive di significato.
Desta ulteriore preoccupazione la notizia data nell’incontro che BNL è intenzionata a mettere in atto un contratto di rete anche per i colleghi distaccati in AST.
Ribadiamo con forza la necessità che i lavoratori distaccati possano lavorare in un clima sereno e nel rispetto delle norme BNL come tutti i colleghi della banca, mentre, nonostante abbiano vinto tutti i ricorsi davanti ai giudici, per i distaccati non c’è traccia di giustizia diventando vittime di un aggiramento delle sentenze dei giudici.
C’è ancora troppo DISTACCO da parte della BNL su quel che stanno vivendo i DISTACCATI.
Segreterie di Coordinamento del Gruppo BNL
FABI – FIRST CISL – FISAC CGIL – UILCA – UNISIN

Scarica il comunicato