…FINALMENTE PRESENTI!!

Si è svolta in data 1/7/2022, FINALMENTE IN PRESENZA, la prima Assemblea dei lavoratori di AST Assago indetta da UNISIN ad un mese esatto dal passaggio nella nuova società. Al termine della relazione, nella quale sono state date alcune info arrivate dalla Direzione di AST, si è aperto il dibattito, molto partecipato, che ha toccato soprattutto i seguenti temi:

DELOCALIZZAZIONE LAVORO IN ROMANIA

A prescindere dalle rassicurazioni ricevute da AST sul fatto che questa eventualità non avrebbe ricadute sul personale ex BNL, i lavoratori esprimono innanzitutto la loro forte delusione e preoccupazione sul fatto che né la BNL in tanti mesi di trattativa, né Accenture nel corso degli incontri fatti prima della cessione, abbiano mai fatto trapelare questo “piccolo” dettaglio. È quindi difficile ora pretendere dai lavoratori un atto di fiducia rispetto ad un progetto del quale si è volutamente tenuto nascosto l’aspetto a lungo termine peggiore. Il pacco regalo conteneva davvero la fregatura e bene han fatto i lavoratori, che non sono fessi, a non fidarsi delle garanzie di certi pezzi di mezzo dell’ingranaggio, esperti in operazioni alla Wanna Marchi. Detto ciò, sul discorso Romania, c’è la parte che riguarda AST:

I lavoratori esprimono all’unanimità tutta la loro contrarietà rispetto questa eventualità: siamo consapevoli del fatto che la scelta è formalmente legittima e compete al datore di lavoro, ma una volta intrapresa la scelta di delocalizzare fino al 58% delle attività e di robotizzare il restante 40% diventa difficile per chi rimane a lavorare per il 2% …sentirsi valorizzato o riconosciuto professionalmente.

La si smetta quindi di accostare tale progetto a parole come “partnership d’eccellenza” o “valorizzazione delle competenze”. Del resto, del nostro lavoro dal 2014 in poi abbiamo visto di tutto, cessioni a consorzi, rientri in banca, appalti sempre più invadenti, utilizzo di personale interinale, spezzettamenti vari e robotizzazione. A tutto ciò mancava solo la delocalizzazione! La tanta decantata metodologia WCB è stata principalmente utilizzata con tutta evidenza per la semplificazione dei processi ai fini della loro robotizzazione e delocalizzazione. Consideriamo queste scelte non ineluttabili e siamo sempre disponibili ad un confronto per trovare soluzioni diverse; al netto delle possibili economie di scala rimane tutta da dimostrare l’efficacia del servizio reso e la qualità stessa del prodotto fornito al nostro cliente, che va ad aggiungersi all’evidente appesantimento del clima aziendale interno.

INTERINALI

Si pensava che, via dalle BNL, la brutta usanza di avvisare i colleghi interinali della loro eventuale conferma

all’ultimo giorno utile fosse superata. Registriamo invece la triste continuità…

Inoltre rileviamo che tutta la gestione di questi colleghi è stata inadeguata, tanto è vero che emerge un sempre più frequente fenomeno di dimissioni/rinunce.

Di questi pochi colleghi rimasti, l’Assemblea auspica all’unanimità la loro stabilizzazione in AST, per non disperdere ulteriormente patrimoni di conoscenza.

CORSI DI FORMAZIONE

Noio voulevons savoir ….che dire di questi corsi in lingua straniera che abbiamo dovuto fare e stiamo facendo con la massima urgenza (tanto il lavoro e il cliente può attendere)?

Corsi con scarse e poco fruibili traduzioni in italiano, chiusi in fretta e furia capendo poco o nulla del contesto del corso stesso. È proprio impossibile fare diversamente? Nosotros semos seguros que si!

I colleghi presenti in Assemblea declinano unanimemente ogni responsabilità rispetto alle innumerevoli

“dichiarazioni” flaggate a fine corso.

PENDOLARISMO

BNL ha sempre previsto un riconoscimento per il pendolarismo in base alle fasce chilometriche. Il fatto che alla data di cessione (1/6/2022) tale accordo risultasse non rinnovato (scaduto a fine 2021 e rinnovato guarda caso il 16/6/2022) non deve condurre, a detta di tutti i lavoratori, ad escludere da questo beneficio i ceduti.

PROSPETTIVE E CLIMA DI LAVORO

È emersa una forte preoccupazione dei lavoratori per un futuro sempre più incerto ed instabile.

La delocalizzazione e la robotizzazione delle attività in un contratto quindicennale di certo non permettono di intravedere un futuro sereno lavorativo, in particolare per i lavoratori “più giovani”.

Pertanto chiediamo all’azienda quali saranno le effettive prospettive future di lavoro per chi ha davanti ancora tanti anni.

Rileviamo altresì che durante l’attività lavorativa si è spesso disturbati da varie “perturbazioni”: scollegamenti, mail a raffica da aprire e leggere, catene di solleciti, aggiornamenti dei sistemi pc e cell, pass che scadono ecc… Non vorremmo che a breve venissero imputate ai lavoratori stock elevati o le lamentele del cliente.

APAC LOGISTICS

I pochi colleghi di queto APAC sono stati letteralmente abbandonati da BNL prima e da AST oggi, senza un responsabile di riferimento e senza direttive chiare sulla loro operatività: vengono utilizzati da altri APAC di AST (vedi Prodotti) e questa cosa non è accettabile e va prontamente regolarizzata.

VARIE

Su molti altri temi si dovrà arrivare ad una corretta definizione:

  • Non corretta continuità tra BNL e AST per l’utilizzo di permessività (vedi ad esempio terapie e prestazioni sanitarie post intervento, ovvero permesso retribuito per la prima e malattia per la seconda);
  • Impossibilità per i pensionandi e pensionati AST di questi mesi di vuoto normativo, di fruire delle prestazioni della Cassa Sanitaria contrariamente ai colleghi che rimangono in servizio (ciò fino alla prossima definizione di una nuova Polizza Sanitaria per AST).

Fermo restando che AST ha già individuato come priorità quella di definire l’accordo per il fondo pensioni

Previbank, la nostra RSA e il Coordinamento che si instaurerà a breve, proporrà nei successivi incontri la sistemazione dei tanti argomenti discussi ed emersi in Assemblea nonché quelli che emergeranno dal quotidiano confronto con i lavoratori.

RSA UNISIN AST ASSAGO

Scarica il comunicato