LA SASSATA WEB: FIGLI E FIGLIASTRI – N.79

Qualcuno crede ancora che l’incentivante serva ad incentivare le persone a fare di più e a fare meglio? Se c’è ancora qualche illuso che la pensi in questo modo si faccia avanti e ci spieghi le motivazioni.

Quante storture in una sola parola, in un solo concetto sbagliato ab origine, che divide i colleghi, che fa figli e figliastri all’interno dello stesso ufficio o della stessa agenzia, in nome del dio denaro. Perché disincentivare i colleghi in questo modo preferendo qualcuno al posto di qualcun altro? Per amicizia? Per punizione essendo da poco rientrato dalla maternità? Perché gli operatori di sportello tanto non sono produttivi a sufficienza e meritevoli di essere incentivati?

I colleghi, quelli che ci mettono la faccia ogni giorno, meritano delle risposte. Il Sindacato è sempre stato contrario all’incentivante perché non è frutto di alcuna trattativa ed è governato unicamente dall’azienda che lo modifica a suo piacimento, creando tutte le insensatezze che ne derivano.

Questo meccanismo non fa altro che generare pressioni commerciali. A questo si arriva con un metodo completamente disastroso in ogni sua sfaccettatura. Vogliamo ricordare che la banca ha incrementato i budget dei gestori e messo in piedi una nuova ristrutturazione senza calarsi nei vari ruoli e capire se nel concreto fosse stato tutto fattibile.

Ancora una volta denunciamo aspramente, e lo faremo anche in altre sedi, tutte le forme di pressioni commerciali e improprie attuate in ogni ordine e grado anche in nome del sistema incentivante.

Restiamo allibiti e capiamo la frustrazione dei colleghi per questa insensibile banca che mira soltanto al mors tua vita mea e se ne frega di premiare davvero le competenze e gli sforzi di tutti. Tutti.

Nessuno escluso.