LA SASSATA WEB N.136 – È LA BANCA CHE CE LO CHIEDE

Puntuale come il Natale e asfissiante come l’afa d’Agosto in città, anche quest’anno è arrivato (ormai ora concluso) il momento della valutazione professionale, strumento tanto caro alla nostra Banca, in quanto occasione di confronto tra manager e lavoratore.

Nulla di strano direte voi… e invece no!

Quest’anno BNL si è superata!

Quest’anno infatti, BNL ha pensato bene rendere obbligatoria (in realtà automatica) l’attribuzione del giudizio di PARZIALMENTE RAGGIUNTO PER L’OBIETTIVO RISPETTO DEL CODICE DI CONDOTTA, DELLA NORMATIVA E DELLE PROCEDURE a tutti i Lavoratori che non hanno completato i corsi di formazione obbligatoria secondo le regole previste ovvero entro la data di scadenza… badate bene non entro l’anno!

Questo è accaduto anche a dispetto della volontà del manager valutatore che ha visto modificare in modo AUTOMATICO la valutazione inizialmente attribuita al proprio collaboratore con giudizio RAGGIUNTO NELL’OBIETTIVO SUDDETTO E MAGARI SUPERIORE NEL GIUDIZIO DI SINTESI COMPLESSIVO.

Infatti le regole rigide (scolpite nella roccia diremmo) previste da BNL in caso di non completamento della formazione obbligatoria entro la scadenza prevista per i singoli corsi sono quelle contenute in una email che diversi Manager si sono visti recapitare.

Viene subito da dire che l’obiettivo RISPETTO CODICE DI CONDOTTA, DELLA NORMATIVA E DELLE PROCEDURE ha indubbiamente un “respiro” più ampio rispetto alla mera fruizione dei corsi entro la scadenza.

Inoltre magari BNL potrebbe provare a chiedersi come mai i Lavoratori non sempre riescono a completare entro le scadenze indicate la formazione obbligatoria!

• Lo fanno apposta? NO!

• Si dimenticano ? NO!

• Se ne fregano ? NO!

E quindi?

Proviamo a suggerire a BNL altre eventualità:

• Sono subissati da mille incombenze? SI’!

• Sono in affanno a causa della cronica carenza di organico che attanaglia uffici e filiali? SI’!

• Sono pressati dall’alto per il raggiungimento degli obiettivi di produzione? SI’!

• Nelle filiali si fa fatica (sempre per la carenza di organico) a fruire dell’unico giorno al mese (max 10 gg all’anno) di smart che è proprio dedicato alla formazione? SI’!

A FRONTE DI TUTTO QUESTO IL RINGRAZIAMENTO DI BNL E’ L’ABBASSAMENTO AUTOMATICO DELLA VALUTAZIONE PROFESSIONALE ATTRIBUITA DAL PROPRIO MANAGER (forse non è un po’ troppo? Non si tratta di un eccessivo automatismo? Ricordiamoci poi che oltretutto la valutazione va ad incidere sull’incentivante!)

A questo punto invitiamo TUTTI I LAVORATORI A METTERE LA FRUIZIONE DELLA FORMAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO LE SCADENZE PFREVISTE PER I VARI CORSI AL PRIMO POSTO!!

E’ LA BANCA CHE CE LO CHIEDE.

E allora noi chiediamo a BNL di agevolare lo svolgimento della formazione, magari concedendo qualche giorno di smart working in più ai colleghi della Rete, e magari con qualche risorsa in più in agenzia.

E ricordiamo ai nostri manager, anziché avere sempre la solita frenesia da budget, di dedicare qualche minuto con i propri collaboratori sull’importanza della formazione, ed i tempi e i modi in cui essa deve essere svolta, onde evitare che un anno di intenso lavoro venga vanificato.

A proposito di budget: chissà se a seguito di questa “ennesima” riportafogliazione, appena avvenuta e che ha visto la migrazione di parte della Clientela verso il modello Direct ci sarà anche un ridimensionamento dei budget calati sulla Rete i primi gennaio!!!